La storia del Mulino di Celle

Logo Nuovo Il Mulino di Celle

Inizia già nell’alto Medioevo, in epoca longobarda, lo sviluppo urbanistico dell’area di fondo valle del torrente Vincio di Montagnana intorno alla costruzione della Pieve di Celle, denominata Pieve di San Pancrazio. Una delle pievi con la documentazione più antica di Pistoia: risale, infatti, al 700 d.C. un documento che certifica l’esistenza della Pieve, allora contesa tra la diocesi di Pistoia e quella di Lucca.

 

La Chiesa fece costruire la gualchiera, il mulino ed il frantoio sfruttando al meglio l’energia dell’acqua incanalata in un sistema avanzato di gore e derivazioni. I Cellesi furono la famiglia a cui la Chiesa affidò la gestione di tutti i suoi beni nella zona e che poi ne divenne proprietaria vera e propria negli anni intorno al 1400. I Cellesi lasciarono in eredità tutti i loro beni alla famiglia Marchetti, già confinanti e legati ai Cellesi da una profonda amicizia e da un matrimonio. 

Gli eredi dei Marchetti hanno ancora la proprietà di gran parte degli immobili: la Villa Marchetti sovrastante la Pieve, che era una delle dimore estive della famiglia, e poi le case storiche dei fattori e dei contadini che dipendevano dalla famiglia, tra cui il frantoio e mulino destinato oggi ad agriturismo. La tenuta dei Marchetti era vasta e nei vari poderi di proprietà produceva legname, olio, vino, farina di castagne e farine di cereali di vario tipo. 

Ancora alla fine dell’800 il pievano di Celle recitava durante le Rogazioni:

“Benedisco dal Vincio in qua, Benedisco dal Vincio in là,  Benedisco sinente la selva del Marchetton, dove non si fa né brasa né carbon “.

 

Il mistero su brace e carbone resta e il cognome Marchetti, si è estinto con l’ultima Marchetti Alessandra, maritata Ducceschi. I beni sono passati alla figlia Maria Teresa maritata Feri, il cui figlio, Guido Feri, morto nel 2010 ha lasciato il frantoio e mulino alla figlia Maria Giovanna, maritata Bartolini.

Mappa Generale Cav. Marchetti
Logo Antico
Antici Strumenti del Mulino di Celle

Oggi l’azienda agricola è condotta dai giovani Bartolini e famiglie che la gestiscono con più moderni mezzi ma sempre nel rispetto delle tradizioni culturali che sono state tramandate di generazione in generazione.

Mappa Antica Mulino di Celle